• (+39) 339.1573003
  • info@criminologiaicis.it

Il risultato delle indagini dattiloscopiche offre piena garanzia di attendibilità e può costituire fonte di prova senza elementi sussidiari di conferma anche nel caso in cui sia relativo all'impronta di un solo dito, purché evidenzi almeno sedici o diciassette punti caratteristici uguali per forma e posizione, in quanto fornisce la certezza che la persona con riguardo alla quale detta verifica è effettuata si è trovata sul luogo in cui è stato commesso il reato. Con tale affermazione, contenuta nella sentenza n. 54493 del 28 settembre 2018, la Quinta sezione penale delle Cassazione ha ribadito una posizione già univoca della giurisprudenza di legittimità. Ne consegue che il risultato dell'indagine dattiloscopica, anche in questo caso, è legittimamente utilizzato dal giudice ai fini del giudizio di colpevolezza, in assenza di giustificazioni o prova contraria su detta presenza.

Tutto iniziò in una fredda mattina romana, 19 anni fa, quando un pescatore seduto su una sponda del Tevere intravide nell'acqua un cadavere ridotto molto male. Il caso, apparentemente si risolse in amen: ventiquattro ore dopo la polizia, consultata la lista degli scomparsi, infatti diede un nome a quel corpo ormai saponificato: Padre Pierre Silviet-Carricart, della congregazione del Sacro Cuore di Gesù di Bétharram, domiciliato presso la Casa Generalizia di via Brunetti, a due passi da piazza del Popolo. Era uscito dal convento il 5 gennaio e non vi aveva più fatto più ritorno. Il sacerdote francese, 57 anni, esiliato a Roma dopo una breve detenzione nella prigione di Pau con l’accusa di aver stuprato un allievo dell’istituto Notre Dame de Bétharram, di cui era rettore, sarebbe dovuto tornare presto in un Palais de Justice, convocato dal magistrato Christian Mirande in seguito alla denuncia di un secondo minore, pure lui iscritto al Notre Dame di Bétharram. Tra i brandelli di ciò che rimaneva delle vesti era impigliato un rosario, indizio utile nella complicata fase dell'identificazione. A riconoscere il cadavere all'obitorio fu un confratello del Sacro Cuore che però precisò: «È lui, anche se lo ricordo più basso...». Una volta tanto le procedure furono sollecite: il nulla osta al rimpatrio della salma fu concesso in tempi rapidissimi ed il feretro fu trasferito subito oltralpe per i funerali e il rito della sepoltura , officiato il 10 febbraio 2000 nel camposanto di Lestelle-Bétharram.

Sulla fine dell'uomo di chiesa si fece subito l'ipotesi del suicidio, indotto probabilmente dai timori di una nuova carcerazione. Del resto, la lettera trovata nella sua stanza dall’avvocato Serge Legrand, che era anche amico personale del sacerdote, poneva in evidenza uno stato d’animo sofferente, rassegnato. «Ho compiuto il mio cammino, sono al Golgota, la mia croce si sta alzando...». Ma la solerzia dell'avvocato Serge Legrand nel girare ai giornali lo struggente addio di Padre Pierre ebbe l'effetto di alimentare congetture. «Troppa fretta, che bisogno c’era di rendere pubblico lo scritto di un uomo di Chiesa?». Così, Gérard Boulanger, avvocato di una delle presunte vittime di abusi sessuali, iniziò un’agguerrita e tenace indagine, che portò qualche esito interessante. In primo luogo, l'indagine difensiva portò ad evidenziare la differenza di altezza del defunto tra quanto riportato nella carta d’identità (1 metro e 70) e quanto scritto nei referti autoptici (1 e 75). Del resto, a questo riguardo anche il confratello chiamato per il riconoscimento aveva evidenziato l'anomalia. Quindi si giunse alla richiesta di riesumazione del cadavere, sulla base di un terribile sospetto: sicuro che dentro la bara ci fosse proprio il corpo di Padre Pierre? Non è che qualcuno aveva trovato il modo di infilare nella cassa un morto recuperato chissà dove, al fine di coprire la fuga e regalare una seconda vita al prete marchiato di pedofilia?

Insomma, un complotto ben congegnato per favorire Padre Pierre.

A ricostruire diversamente la storia, respingendo ogni ipotesi di questo tipo fu Saràpoi Adriano Meis, eminente personalità della congregazione, secondo cui l'ipotesi del complotto rappresentava un'assurdità al limite della fantascienza, frutto “dell’anticlericalismo fortemente radicato in Francia, cui si aggiunse il narcisismo tipico di certa magistratura”. Ma l’ipotesi della macchinazione fu presa talmente sul serio e la tomba venne scoperchiata davvero. Scrisse Liberation il 10 novembre 2000: «Il rigoroso allineamento delle sobrie lapidi dei religiosi di Notre-Dame-de-Bétharram sarà sconvolto: si tratta di riesumare il corpo dell’ultimo padre anziano per un campione di Dna». E così fu. Le spoglie mortali del reverendo tornarono alla luce per il loro ultimo viaggio alla volta dei laboratori di Genetica forense. «Il Dna conferma l’identità del religioso sepolto a Pau. Il corpo è di P. Pierre Silviet-Carricart. Ciò pone fine all’azione penale e sancisce il non luogo a procedere», ufficializzò la notizia il giornale cattolico La Croix, il 5 dicembre 2000. Il caso è risolto, salvo comprendere la causa della morte.

Stalking e violenza di genere. se ne parlerà domani, 8 maggio 2019, in una giornata di studi presso la Sala Consiliare del Comune di Sarzana.

Aprirà i lavori il Sindaco di Sarzana, dottoressa Cristina Ponzanelli.

L'intervento centrale è affidato allo Psichiatra Leonardo Moretti, membro del comitato scientifico dell'Associazione Criminologi Per l'Investigazione e la Sicurezza e componente del tavolo UNI per la norma sul profilo professionale del Criminologo.

L'inizio dei lavori è previsto alle ore 18,30. Oltre agli interessati alle materie criminologiche il convegno è aperto a tutti.

Si chiama Abu Bakr Al Baghdadi ed è l'uomo più ricercato al mondo. E' il leader della più pericolosa organizzazione terroristica mai esistita e responsabile di migliaia di morti innocenti. Sulla sua testa pende una taglia da 25 milioni di dollari. A dargli la caccia sono i servizi segreti di tutto il mondo, in testa gli americani che per scovare Califfo impegnano i droni, le divisioni cyber e le special forces sul campo. Ma sono molto impegnati anche i servizi curdi e quelli iracheni con loro agenti sotto copertura, nonché le divisioni russe, responsabili però nel giugno 2017 di aver diffuso nel 2017 la notizia – non verificata – della morte di Al Baghdadi.

Nel tentativo di localizzarlo l'intelligence ha analizzato l’ultimo filmato di propaganda diffuso da Media Al Furqan sito di riferimento del sedicente Stato islamico, deducendo che il califfo potrebbe nascondersi in una zona montuosa situata al confine tra la Siria e l'Iraq, sulle montagne di Sinjar oppure nel deserto a sud di Hasakah. Un indicazione a dire il vero un po' generica. A confermalo la verifica delle temperature nell'aerea appena citata, che coincidono con i vestiti pesanti indossati dal sedicente Califfo. Peraltro si tratta di una località molto vicina al suo luogo di nascita dove Al Baghdadi riesce ad evitare il tradimento. Si ipotizza addirittura che paghi letteralmente il silenzio di chi è conoscenza dei suoi spostamenti, attraverso “mazzette” e “donazioni” ai capi delle tribù dei territori dove di volta in volta si sposta. L'altra ipotesi è che non comunichi più via radio e abbia adottato il sistema dei «pizzini» (messaggi scritti o orali) già utilizzato da Osama Bin Laden e Al Zawahiri e in ambiente mafioso da Bernardo Provenzano. Stando alle notizie trapelate sulla stampa nel 2016 il Califfo avrebbe commesso un grave errore che ha rischiato di costargli la vita. Per 45 secondi ha parlato via radio ai suoi seguaci per esortarli a resistere mentre erano impegnati nella battaglia per la città di Mosul, che sarebbe poi caduta. Quel messaggio è stato intercettato e ha dato il via ad un frenetico tentativo della coalizione anti Isis di trovarlo e ucciderlo in un raid. Ma individuato il punto da cui era partita la chiamata, il Califfo si era già dileguato. Ora, dunque, bandita ogni comunicazione sia pure criptata per le comunicazioni terroristiche, è facile pensare che Al Baghdadi abbia imposto il silenzio radio. Secondo l'intelligence, inoltre, il Califfo si muoverebbe con la protezione da un gruppo selezionato e ristretto di fedelissimi. Il suo cerchio magico sarebbe composto da tre persone: il suo fratello maggiore Joumouaa, il suo autista e guardia del corpo Abdellatif al-Juburi, suo amico di infanzia, e il suo messaggero, Saud al-Kourdi. Per arrivare a lui dunque bisogna agganciare una di queste figure.

 

 

Il ministro dell'Interno ha firmato questa mattina la circolare destinata a prefetti per aumentare i controlli e il livello di attenzione intorno ai luoghi di aggregazione di cittadini islamici. Lo rivela una nota del Viminale che in relazione alla minaccia terroristica spiega: "In considerazione del profilo della minaccia, incarnata anche da singoli radicalizzati istigati dal messaggio propagandistico, occorre riservare una cura particolare alle dimensioni di elezione del proselitismo". In questo senso, nella categoria da monitorare "rientra la variegata realtà dei centri di aggregazione e delle associazioni culturali asseritamente ispirate alla fede musulmana, distribuite su tutto il territorio nazionale ma concentrate soprattutto in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte, Sicilia e Toscana. Una presenza in aumento, contraddistinta da differenti ideologie di riferita matrice religiosa, in certi casi orientata a una strumentale interpretazione radicale e intransigente dell'Islam". Da tenere d'occhio anche gli "Altri circuiti di rilievo - prosegue il documento - sono quelli parentali e relazionali che, tuttavia, risultano di difficile penetrazione". In linea con la recente legislazione in materia di “sicurezza integrata” il Viminale chiede anche ai Comuni e agli enti locali tutti di farsi "sentinella" di possibili progetti ostili e di radicalizzazioni in casa.

Che il caso Moro nasconda verità inconfessabili, purtroppo destinate a rimanere sepolte nell'oscurità, è ormai assodato, data l'ampia letteratura sul tema.

La notizia del giorno, destinata ad avvalorare questa tesi, arriva dal carcere di massima sicurezza di Parma. "Potevo salvare Moro, fui fermato". Queste le dichiarazioni del super boss della camorra, fondatore della Nuova Camorra Organizzata, Raffaele Cutolo, in carcere da anni, in un verbale inedito di un interrogatorio del 2016 di cui riferisce oggi in esclusiva Il Mattino. "Aiutai - spiega Cutolo - l'assessore Cirillo (rapito e successivamente rilasciato dalle Br, ndr), potevo fare lo stesso con lo statista. Ma i politici mi dissero di non intromettermi". Nel '78 Cutolo era latitante e si sarebbe fatto avanti per cercare, sostiene lui, di salvare Moro. "Per Ciro Cirillo si mossero tutti, per Aldo Moro nessuno, per lui i politici mi dissero di fermarmi, che a loro Moro non interessava". Le dichiarazioni di Cutolo risalgono al 25 ottobre del 2016.

E' legittimo il pedinamento prolungato del lavoratore dipendente, nell'ambito dei controlli difensivi effettuati dal datore di lavoro. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con la sentenza 18 luglio 2017, n. 17723.

La questione riguardava il licenziamento, per giusta causa, di un dipendente di una compagnia assicurativa, con compiti di revisore, cioè di visita delle agenzie per verificare il rispetto delle politiche aziendali.

La Cassazione – e qui sta la parte più interessante della sentenza – ha datto torto al Tribunale che in prima istanza aveva ritenuti violativi della privacy del lavoratori i controlli investigativi effettuati, in quanto considerati invasivi ed insussistenti alcuni degli episodi contestati anche alla luce dell'istruttoria espletata. Al contrario, la Corte d'Appello, aveva ritenuto legittimo il controllo investigativo disposto dal datore di lavoro tenuto conto delle mansioni del dipendente che in gran parte della sua attività lavorativa era in viaggio per l'Italia per cui una ventina di giorni di pedinamento si rivelavano necessari. In esito ai pedinamenti, che erano diretti ad accertare eventuali illeciti, erano state raccolte anche informazioni sulla vita privata del lavoratore, ma questo solo perché il lavoratore stesso appariva in servizi avendo mancato l'inserimento di tre giorni di ferie nel sistema gestionale della compagnia e dal mancato rientro nella sede di provenienza da una trasferta. Eventuali altri aspetti di violazione della privacy potevano al più legittimare pretese di risarcimento del danno nei confronti dell'Agenzia investigativa.

Con la pronuncia di cui trattasi la Corte di Cassazione ha confermato il proprio orientamento in materia di esclusione dell’applicabilità degli artt. 3, 4 ed 8 dello Statuto dei Lavoratori con conseguente legittimità dei controlli sui dipendenti esercitati dal datore di lavoro al fine di tutelarsi da comportamenti illeciti del lavoratore. Ancora, la sentenza è valsa a chiarire la legittimità dell’attività di pedinamento portata avanti dall’agenzia investigativa per un periodo piuttosto prolungato, seppure ponendo tale decisione in stretta connessione con la tipologia di impiego svolta dal dipendente. In sostanza, non solo il pedinamento è legittimo, ma può protrarsi anche a lungo se le condizioni lo giustificano.

Anche le telefonate "mute", ripetute in maniera molesta sia pure per scherzo, integrano il reato di molestia telefonica. Lo ha stabilito la Cassazione penale, sezione I, con la sentenza 27 marzo 2019, n. 13363. Secondo la Corte: "risponde del reato di molestie a mezzo del telefono colui che, anche durante la notte, sebbene animato da motivi ludici, esegua numerose telefonate mute e anonime al telefono di cellulare un amico, atteso che anche i semplici squilli, se idonei a cagionare un turbamento o una molestia, integrano il reato di cui all’art. 660 c.p".

Le chiamano ancora droghe leggere, ma un recente studio pubblicato su Lancet Psychiatry ha messo in evidenza che la cannabis oggi in circolazione presenta seri rischi di disturbi mentali, come le psicosi. Una conclusione che, peraltro, date le statistiche sull'alto numero di consumatori, potrebbe gettare qualche il cono di luce su tanti inspiegabili episodi di ordinario e diffuso squilibrio cui la cronaca ci ha oramai tristemente abituati. Gli scienziati per elaborare la loro ricerca hanno esaminato i casi di circa 900 persone di età compresa tra i 18 e i 64 anni, che tra il 2010 e 2015 sono stati curati per un episodio di psicosi in dieci centri di psichiatria in diversi Paesi europei (in Italia a Verona, Bologna e Palermo) nonché in un centro in Brasile. Per il raffronto, i ricercatori hanno usato altre 1.000 persone che vivono negli stessi luoghi, ma che hanno dichiarato di non fare uso di cannabis. In base al nome comune del tipo di sostanza utilizzata (skunk e sensimilla, denominazioni di marijuana di strada) gli scienziati sono risaliti a una stima della concentrazione del principio attivo, suddividendo le varie sostanze in "potenti" (THC superiore al 10 per cento) e "leggere" (THC inferiore al 10%). E' sto così possibile calcolare la correlazione tra l’uso di sostanza più o meno forte e gli episodi di psicosi.

La conclusione è stata che le probabilità di un episodio psicotico erano tre volte superiori per coloro che facevano uso abituale di cannabis (ovvero tutti i giorni) rispetto a coloro che la fumavano raramente o mai. Ma, in particolare, tra gli utilizzatori della cannabis “potente”, il rischio di psicosi è risultato cinque volte superiore rispetto alla popolazione che non ne fa uso. I ricercatori hanno anche stimato che se la cannabis con alte concentrazioni di THC non fosse più disponibile sul mercato, si verificherebbero fino al 50 per cento in meno di episodi di psicosi in città come Amsterdam, dove la sostanza con queste concentrazioni è quasi la norma, e il 30 per cento in meno a Londra, un’altra delle città prese in esame. Sulla tesi enunciata dagli scienziati non sono mancate critiche nel mondo accademico trattandosi di uno “studio osservazionale”: meno affidabile da un punto di vista epidemiologico per stabilire relazioni di causa-effetto., ma c'è da dire che le analisi sui sequestri hanno comunque dimostrato che nelle cosiddette “droghe leggere” la quantità di principio attivo può essere da 4 a 28 volte superiore rispetto ad anni fa, perché è proprio la pianta di cannabis ad essere stata potenziata, con incroci e particolari tecniche di coltivazione.

 

 

E' legittimo l'assorbimento del Corpo forestale dello Stato nell'arma dei carabinieri. Lo ha deciso oggi la Corte costituzionale trattando la questione sollevata, con analoghe motivazioni, dai Tribunali amministrativi regionali di Abruzzo, Veneto e Molise. La Corte era chiamata a pronunciarsi sulla legittimità della riforma che nel 2016 ha soppresso il Corpo forestale dello Stato (CfS) e ha previsto l'assorbimento del personale nell'Arma.

In attesa del deposito della sentenza, l'Ufficio stampa della Corte fa sapere che al termine della discussione le questioni sono state dichiarate non fondate. La Corte ha ritenuto che sia la legge delega sia il decreto delegato non presentano vizi di costituzionalità in quanto le relative scelte sono il frutto di un bilanciamento non irragionevole tra le esigenze di riorganizzazione dei servizi di tutela forestale e quelle di salvaguardia delle posizioni del personale forestale.

Chi siamo

L'Associazione Criminologi per l'Investigazione e la Sicurezza (AICIS) è una associazione di professionisti costituita ai sensi della legge n. 4/2013 per rappresentare e garantire le prestazioni professionali del Criminologo certificato.

Criminologi Certificati

I professionisti certificati in conformità alla Norma UNI sulla professione del Criminologo, possono in tal modo garantire all'utenza propria preparazione e serietà professionale, in linea con il codice etico e con il codice di comportamento dell'associazione AICIS.

Contatti

Sede Nazionale: Via Carlo Cignani, 19 - CAP 47121- Forlì

c.f.92090150407 - Reg. nr 3366 in data 09/11/2016

(+39) 339.1573003

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Lombardia: Via Cardano, 8 - CAP 27100 - Pavia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Toscana: P.zza Attias, 21 - CAP 57123 - Livorno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Umbria: Via Delle Industrie 78, CAP 06034 - Foligno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Campania: Via Don Minzioni, 18 - CAP 83100 - Avellino

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Lazio: Via Roma, 55 - CAP 04022 - Fondi (LT)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2017 AICIS cf. 92090150407 Reg. nr.3366 in data 09/11/2016.Designed By Bruniconet

Cerca