• (+39) 339.1573003
  • info@criminologiaicis.it

CONSUMATORI DI CANNABIS A RISCHIO PSICOSI In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Le chiamano ancora droghe leggere, ma un recente studio pubblicato su Lancet Psychiatry ha messo in evidenza che la cannabis oggi in circolazione presenta seri rischi di disturbi mentali, come le psicosi. Una conclusione che, peraltro, date le statistiche sull'alto numero di consumatori, potrebbe gettare qualche il cono di luce su tanti inspiegabili episodi di ordinario e diffuso squilibrio cui la cronaca ci ha oramai tristemente abituati. Gli scienziati per elaborare la loro ricerca hanno esaminato i casi di circa 900 persone di età compresa tra i 18 e i 64 anni, che tra il 2010 e 2015 sono stati curati per un episodio di psicosi in dieci centri di psichiatria in diversi Paesi europei (in Italia a Verona, Bologna e Palermo) nonché in un centro in Brasile. Per il raffronto, i ricercatori hanno usato altre 1.000 persone che vivono negli stessi luoghi, ma che hanno dichiarato di non fare uso di cannabis. In base al nome comune del tipo di sostanza utilizzata (skunk e sensimilla, denominazioni di marijuana di strada) gli scienziati sono risaliti a una stima della concentrazione del principio attivo, suddividendo le varie sostanze in "potenti" (THC superiore al 10 per cento) e "leggere" (THC inferiore al 10%). E' sto così possibile calcolare la correlazione tra l’uso di sostanza più o meno forte e gli episodi di psicosi.

La conclusione è stata che le probabilità di un episodio psicotico erano tre volte superiori per coloro che facevano uso abituale di cannabis (ovvero tutti i giorni) rispetto a coloro che la fumavano raramente o mai. Ma, in particolare, tra gli utilizzatori della cannabis “potente”, il rischio di psicosi è risultato cinque volte superiore rispetto alla popolazione che non ne fa uso. I ricercatori hanno anche stimato che se la cannabis con alte concentrazioni di THC non fosse più disponibile sul mercato, si verificherebbero fino al 50 per cento in meno di episodi di psicosi in città come Amsterdam, dove la sostanza con queste concentrazioni è quasi la norma, e il 30 per cento in meno a Londra, un’altra delle città prese in esame. Sulla tesi enunciata dagli scienziati non sono mancate critiche nel mondo accademico trattandosi di uno “studio osservazionale”: meno affidabile da un punto di vista epidemiologico per stabilire relazioni di causa-effetto., ma c'è da dire che le analisi sui sequestri hanno comunque dimostrato che nelle cosiddette “droghe leggere” la quantità di principio attivo può essere da 4 a 28 volte superiore rispetto ad anni fa, perché è proprio la pianta di cannabis ad essere stata potenziata, con incroci e particolari tecniche di coltivazione.

 

 

Letto 225 volte
Altro in questa categoria:

Chi siamo

L'Associazione Criminologi per l'Investigazione e la Sicurezza (AICIS) è una associazione di professionisti costituita ai sensi della legge n. 4/2013 per rappresentare e garantire le prestazioni professionali del Criminologo certificato.

Criminologi Certificati

I professionisti certificati in conformità alla Norma UNI sulla professione del Criminologo, possono in tal modo garantire all'utenza propria preparazione e serietà professionale, in linea con il codice etico e con il codice di comportamento dell'associazione AICIS.

Contatti

Sede Nazionale: Via Carlo Cignani, 19 - CAP 47121- Forlì

c.f.92090150407 - Reg. nr 3366 in data 09/11/2016

(+39) 339.1573003

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Lombardia: Via Cardano, 8 - CAP 27100 - Pavia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Toscana: P.zza Attias, 21 - CAP 57123 - Livorno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Umbria: Via Delle Industrie 78, CAP 06034 - Foligno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Campania: Via Don Minzioni, 18 - CAP 83100 - Avellino

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Lazio: Via Roma, 55 - CAP 04022 - Fondi (LT)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2017 AICIS cf. 92090150407 Reg. nr.3366 in data 09/11/2016.Designed By Bruniconet

Cerca