• (+39) 339.1573003
  • info@criminologiaicis.it

TELECAMERE NEL CONDOMINIO? ATTENZIONE A NON SCONFINARE NELLA MOLESTIA In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

Potrebbe essere denunciato per molestia chi installa una telecamera per controllare i movimenti di altri condomini con l’intento di carpirne le immagini della vita privata e familiare. E' questa la sintesi del dispositivo dell'ordinanza n. 55296 dell'11 dicembre 2018, con cui la VII Sezione Penale della Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da un abitante avverso la sentenza che lo aveva condannato alla pena di euro 340,00 di ammenda per molestia ai danni di una condomina.

Il reato di molestia o disturbo alle persone, previsto e punito dall’articolo 660 del codice penale, prevede che “chiunque, in luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero per mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo, è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a cinquecentosedici euro”.
La norma tende a tutelare la tranquillità pubblica per la rilevanza che il suo turbamento ha sull’ordine pubblico, in considerazione dell’eventuale possibilità di reazione da parte della persona offesa. Pertanto la protezione del privato vittima di molestie è soltanto riflessa, atteso che tutela viene accordata anche a prescindere e, addirittura, contro la volontà della persona molestata o disturbata (tra le molte, si veda la sentenza di Cassazione 43704/2007).

La condotta idonea ad integrare la fattispecie incriminatrice risulta quella oggettivamente idonea a molestare e disturbare terze persone, invadendo la vita privata e quella di relazione altrui.

È necessario il dolo specifico dell’agente, pertanto, lo stesso deve essere mosso da “petulanza” o da altro “biasimevole motivo”, consistente nella volontà di interferire inopportunamente nell’altrui sfera di libertà, laddove per “petulanza”, deve intendersi un atteggiamento di insistenza eccessiva e, perciò, fastidiosa, di arrogante invadenza e di intromissione continua e inopportuna nell’altrui sfera, mentre il “biasimevole motivo” è quello che, pur diverso dalla petulanza, è ugualmente riprovevole in se stesso o in relazione alla persona molestata.

Ciò posto, ai fini della configurabilità del reato non hanno rilievo le pulsioni che hanno spinto ad agire e, pertanto, sussiste il dolo nel reato in questione anche nel caso in cui si arrechi molestia o disturbo alle persone allo scopo di esercitare un proprio diritto o preteso diritto, allorché ciò avvenga con modalità arroganti, impertinenti o vessatorie (Ex multis: Cass. n. 22055/2013). Tuttavia, non è che l'installazione della telecamera configuri automaticamente il reato dimolestia, in quanto la Cassazione ha preso in considerazione una serie di condotte poste in essere, l’astio verso la persona offesa, l’intromissione nella sfera di riservatezza, il disagio procurato e il turbamento della vita quotidiana.

In particolare è stato evidenziato come la questione “telecamera” si inseriva in più complesso ambito di contrasto nel rapporto tra condòmini, laddove l’imputato, adirato per l’opposizione da parte di una condomina alla installazione di una canna fumaria e di alcune tende parasole, nonché all’utilizzo particolare del cortile comune, aveva dato corso nei confronti della stessa ad una serie di condotte moleste, oltre che a dispetti vari.
Nello specifico, i comportamenti posti in essere nei confronti della persona offesa, per come accertato nel corso dell’istruttoria, erano consistiti in contrasti verbali, anche accesi, con la stessa, nell’installazione di una telecamera per controllare i movimenti della condomina con l’intento di carpirne le immagini della vita privata e familiare ovvero simulando l’intenzione di investirla con la propria autovettura. A nulla sono valse le difese dell’imputato che riteneva come alcuna condotta avesse assunto le caratteristiche della petulanza o del biasimevole motivo, in considerazione del fatto che le azioni dello stesso risultavano inserite in un ambito di contrasti condominiali reciproci e, pertanto, non erano finalizzate a creare disturbo.

 

Letto 288 volte
Altro in questa categoria:

Chi siamo

L'Associazione Criminologi per l'Investigazione e la Sicurezza (AICIS) è una associazione di professionisti costituita ai sensi della legge n. 4/2013 per rappresentare e garantire le prestazioni professionali del Criminologo certificato.

Criminologi Certificati

I professionisti certificati in conformità alla Norma UNI sulla professione del Criminologo, possono in tal modo garantire all'utenza propria preparazione e serietà professionale, in linea con il codice etico e con il codice di comportamento dell'associazione AICIS.

Contatti

Sede Nazionale: Via Carlo Cignani, 19 - CAP 47121- Forlì

c.f.92090150407 - Reg. nr 3366 in data 09/11/2016

(+39) 339.1573003

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Lombardia: Via Cardano, 8 - CAP 27100 - Pavia

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Toscana: P.zza Attias, 21 - CAP 57123 - Livorno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Umbria: Via Delle Industrie 78, CAP 06034 - Foligno

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Campania: Via Don Minzioni, 18 - CAP 83100 - Avellino

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Sede Regionale Lazio: Via Roma, 55 - CAP 04022 - Fondi (LT)

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

© 2017 AICIS cf. 92090150407 Reg. nr.3366 in data 09/11/2016.Designed By Bruniconet

Cerca